Anno nuovo: tempo di dieta?

perdere peso


Gennaio è da sempre il mese delle buone intenzioni. Al primo posto tra tutti i buoni propositi del 2019 (ma questo vale ogni anno) c’è quello di mettersi a dieta dopo le abbuffate che hanno caratterizzato le festività natalizie appena passate.

Abbiamo appesantito il corpo con ogni tipo di cibo grasso ed alcool, per cui tutti adesso sentiamo il bisogno di intraprendere una dieta detox per depurarci. Certo, online si trovano tantissimi tipi di diete e tutte promettono risultati stupefacenti e veloci, ma ogni corpo è diverso dagli altri, per cui i bisogni alimentari di ognuno devono essere valutati caso per caso da esperti nutrizionisti e medici, in modo da avere un piano nutrizionale specifico e personalizzato. In questa sede pertanto si daranno solamente consigli di carattere generale.

Come rimettersi in forma dopo le feste

Adottare abitudini alimentari sane aiuterà il nostro corpo non solo a rimettersi in forma, ma soprattutto a stare bene. Infatti la nostra salute dipende anche dallo stile di vita che seguiamo e di conseguenza da ciò che mettiamo sulle nostre tavole. Secondo la gran parte dei nutrizionisti mondiali la dieta mediterranea è il modello alimentare che garantisce maggiormente uno stile di vita salutistico.

Questa dieta, ispirata alle tradizioni alimentari dei Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, si basa sul consumo prevalente di alimenti di origine vegetale, come ortaggi, cereali, frutta e olio di oliva; mentre gli alimenti di origine animale, come carne, pesce, uova e latticini, trovano minor spazio nella piramide alimentare propria di questo regime nutrizionale. In questa dieta anche il vino può essere inserito (al contrario dei super alcolici che invece sono da evitare), ma quest’ultimo è da assumere con parsimonia, come altri alimenti, quali zucchero e grassi animali. Insomma la regola è mangiare di tutto un po’, limitando però i cibi più grassi, prediligendo frutta, verdura e alimenti non raffinati come le farine e i cereali integrali.

Oltre al tipo di alimenti da assumere, è necessario considerare il numero di pasti da concedersi durante la giornata: gli esperti consigliano di farne cinque al giorno, mantenendo un apporto di calorie maggiore durante colazione e pranzo ed evitando di assumere cibi troppo grassi per cena. Anche gli spuntini sono importanti (due al giorno) ma durante questi pasti ci si deve tener leggeri: qualche frutto secco o fresco o uno yogurt sarebbero l’ideale.

Dieta e attività fisica

Uno stile di vita sano, oltre ad un’alimentazione bilanciata, presuppone che si svolga con regolarità (non vale una volta al mese!) un’attività fisica adeguata alle nostre caratteristiche corporee. Infatti, praticare attività fisica moderata ogni giorno o almeno tre volte a settimana (ad esempio 30 minuti di camminata o di nuoto), contribuisce nell’immediato al consumo energetico e quindi ad un calo di peso, mentre nel lungo termine contribuirà al miglioramento del metabolismo e quindi al mantenimento nel tempo del peso forma raggiunto.


Per tenere sotto controllo il conseguimento degli obiettivi, sia di peso corporeo e misure, che di alimentazione e movimento, ho iniziato io stessa a tenere un diario in cui segno tutto quello che mangio, lo sport che pratico, il peso e le misure che raggiungo. C’è però da considerare che facendo sport la massa muscolare si ingrossa, provocando un aumento di peso (il muscolo pesa più del grasso a parità di spazio occupato), quindi più che il peso terrò sotto controllo i centimetri di circonferenza delle varie zone del corpo, in modo da capire se e come sto migliorando.

In questo modo, cioè scrivendo tutti questi dati su un diario, sono riuscita, in passato, a capire alcuni errori (come quello di controllare maniacalmente il calo di peso corporeo che invece da solo non indica una diminuzione di taglia) e a non ripeterli.

Lascia un commento